mercoledì 10 luglio 2019

PERSONALE DI ALBERTO ZAPPA A VILLA FENAROLI

Villa Fenaroli vista dalla strada di Via Mazzini

Alberto Zappa è il protagonista di un’interessante mostra personale di pittura, a Villa Fenaroli, di Rezzato, dal titolo “Tra immaginario e reale".

L’iniziativa artistica, promossa dall’Associazione Arte e Cultura "Ars Vivendi",  in sinergia con la Direzione di Villa Fenaroli, è stata curata della prof.ssa Rosa Lardelli, referente dell’Associazione.

Durante la riuscita manifestazione inaugurale, Ugo Nappi, presidente dell’associazione Arte e Cultura "Ars Vivendi" ha, fra l’altro, sottolineato come queste iniziative artistiche favoriscono varie opportunità aggregative, attorno ai temi propositivi interpretati dai rispettivi autori.



Intervento di Ugo Nappi

I relatori con l'artista

La prof.ssa Marta Mai, nel ruolo di critica ha ricordato e tratteggiato il percorso artistico di Alberto Zappa, un artista che è riuscito con la ricerca e lo studio a perfezionare la sua arte  per seguire l'evoluzione del suo pathos . 

Parte del pubblico presente


La giornalista Valentina Li Puma, fra i relatori di questa mostra, esalta, le opere esposte e rimarca la sensibilità dell’artista nel riuscire a comprendere l’universo mondo delle donne, “chiamate nella società a rivestire tutti i ruoli”. 

L'artista con la sorella Maddalena


Nel coinvolgente cromatismo di Alberto Zappa, ancora la prof.ssa Marta Mai ha delineato,  un catalizzante motivo di conduzione visiva, riscontrabile nelle tonalità di grigio dei suoi vari dipinti, e pure evidenziando colori “pastellati, soft, tendenzialmente caldi”, come una sorta di “luminosa incipriata”  che impreziosisce i dipinti creando un gradevole effetto espressivo. 


I






Ringraziamenti a tutti i presenti, agli amici dell’arte di Lumezzane e ai numerosi artisti.

Gradita la presenza del gallerista Ettore Marchina.

Ringraziamenti per la sua partecipazione e la sua recensione al giornalista saggista Luca Quaresmini della rivista "Popolis".

Sono giunti i saluti e gli apprezzamenti, dell’iniziativa artistica, dal critico Andrea Barretta e dagli artisti 
Cattaneo Pier Luigi, Giovanni Confortini e Ulisse Gualtieri.

A conclusione dell’inaugurazione, molti partecipanti, hanno aderito ad un delizioso pranzo presso il ristorante della Villa stessa.


Mostra visitabile tutti i giorni, dalle ore 10 alle ore 22, al civico 14 di Via Mazzini di Rezzato, 
nello “Spazio Arte di Villa Fenaroli“

Fotografie di Luigi Mazzoleni.

Porta quadri di Antonio Comini, progetto casa.

Per informazioni: reception Villa Fenaroli Spazio Arte tel. 0302793223; Rosa Lardelli curatrice della mostra, cell.3398637645


L’esposizione delle opere pittoriche di Alberto Zappa, per il successo ottenuto di critica e di visitatori, viene prorogata fino al 30 luglio 2019


venerdì 24 maggio 2019

PERSONALE DI PITTURA DI ALBERTO ZAPPA


Villa Fenaroli dalla strada

Mostra di pittura di ALBERTO ZAPPA 

Tra immaginazione e reale  

dal 9 giugno  al 9 luglio 2019 

Inaugurazione domenica 9 giugno 2019 alle ore 11:00   

VILLA FENAROLI -  Rezzato – Brescia

Mostra organizzata dall’Associazione Arte Cultura
 Ars Vivendi di Brescia.

L’iniziativa beneficia del patrocinio della provincia di Brescia, del Comune di Rezzato, e dall’Associazione Artisti Bresciani.

Mostra a cura di Rosa Lardelli.
 Presentazione critica della prof.ssa Marta Mai.


Alberto Zappa, pittore bresciano, inizia la sua esperienza artistica nel 1985 con la sua prima personale. 
Dotato di particolari doti artistiche le educa frequentando corsi d’arte  e di sperimentazione artistica. Ha partecipato a molteplici personali e collettive;  partecipa a concorsi nazionali d’arte, ottenendo numerosi primi premi.
Presso Villa Fenaroli, il pittore bresciano, espone una ventina di opere scelte per illustrare i suoi temi preferiti.


Cenni critici di Marta Mai, esperta d’arte, scrive, presenta e commenta le opere, privilegiando l’aspetto comunicativo - empatico.


"Artista entusiasta, eclettico e intraprendente, Alberto Zappa si esprime in pittura da circa mezzo secolo: e lo fa con estrema perizia, sia assecondando doti innate, pervicacemente educate, sia protraendo ricerca e studio per perfezionare segni materici e originali cromie corrispondenti all’evoluzione del suo pathos e al soverchiante imperativo categorico, cui la mente aderisce e in cui si placa. Impostato su solide basi classiche, nel tempo ha ininterrottamente collezionato consensi, apprezzamenti e premi. Oggi, sensibile a esigenze della Contemporaneità, che optano per il superamento della rappresentazione statica del reale, l’artista tende a rappresentare il pensiero astratto, i percorsi della mente, le ipotetiche trasformazioni del paesaggio per sovrapposizione d’insediamenti, stratificazioni di civiltà, sconvolgimenti tellurici e, indugiando sull’essenza della natura umana al femminile, si cimenta nel genere informale per coinvolgere e favorire scambi di idee. Lungi dal disorientare, questa sua apertura ci conferma sulla modernità dell’artista, uomo del suo tempo, di cui vuole essere portavoce e rappresentante, continuando a diffondere piacevolezza per l’armonioso accostamento dei colori, la rigorosa proporzione delle forme e la razionale distribuzione dei segni. Questi ultimi, tutti da decodificare o da interpretare per partecipazione attiva e sensibilità del fruitore dell’opera, che diventa coautore, realizzano l’aspettativa ultima dell’artista, che ambisce al dialogo e al confronto in funzione di corale crescita umana. Alberto Zappa, pertanto, se insiste con la pittura en plein air, cogliendo impressionisticamente la natura e il paesaggio nell’alternarsi delle ore e delle stagioni, compiacendo e compiacendosi, in parallelo costruisce mappature informali, in cui il territorio e l’uomo raccontano di sé in suggestivi ricorsi storici, che tramandano le nostre radici. Quando avanza la figura femminile, che contempla uno spazio intimistico, l’artista vuole elevare un inno alla donna, compagna di quel tal percorso di vita denso di complicità e di tensione, in cui gli spiriti si completano e si alleano secondo una linea, che è trasversale a tutta la produzione artistica di Alberto Zappa e ne suggella il messaggio: cercare e diffondere armonia per la gioia degli occhi e del cuore."

quiete di periferia


MOSTRA:  di Alberto Zappa  

DOVE:  Villa Fenaroli - via Mazzini, 14 -Rezzato/Brescia 

APERTURA: dal 9 giugno al 9 luglio 2019, con entrata libera  e gratuita dalle ore 10 alle 22, tutti i giorni . 

CONTATTI: Rosa Lardelli - Associazione  Arte Cultura Ars Vivendi  via Sandro Pertini, 29 -  Brescia. 
cell.3398637645. r.lardelli@rosalardelli.it -  www.rosaeventi.blogspot.com.
http://www.villafenaroli.it/eventi-brescia/spazio-arte-villa-fenaroli/

CONTATTI : Alberto Zappa - www.albertozappa.it

mercoledì 3 aprile 2019

INAUGURAZIONE MOSTRA DI ULISSE GUALTIERI


Nella splendida Villa Fenaroli, monumento nazionale, domenica 31 marzo 2019, alle ore 11, è stata inaugurata la mostra dal titolo: tele dipinte di Ulisse Gualtieri.


Rosa Lardelli inaugura l'evento

L’iniziativa artistica, promossa dall’Associazione Arte Cultura Ars Vivendin sinergia con la Direzione di Villa Fenaroli, beneficia del patrocinio della Provincia di Brescia, del Comune di Rezzato e dell’Associazione Artisti Bresciani.

All’ufficializzazione dell’inaugurazione, coordinati da Rosa Lardelli, Prof.ssa curatrice della mostra, erano presenti:
Ugo Nappi, Presidente dell’Associazione Arte Cultura  Ars Vivendi, Valentina Li Puma, giornalista della voce di Mantova; Maria Do, Prof.ssa guida museale; Andrea Barretta, critico d’arte;Ulisse Gualtieri, artista.  


Valentina Li Puma interviene
Intervento di Ugo Nappi

Andrea Barretta critico d'arte commenta le opere di Ulisse Gualtieri

Successivamente all’introduzione della curatrice Rosa Lardelli e di Ugo Nappi, è intervenuta  la giornalista Valentina Li Puma per gli apprezzamenti dell’iniziativa artista. 

Andrea Barretta, giornalista, scrittore, gallerista e critico d’arte ha  presentato l’arte di Ulisse Gualtieri.

La prof.ssa Maria Do è intervenuta per una breve presentazione storico artistica della Villa e, in particolare, per l’affresco della volta della sala mostre.
L'intervento della Prof.ssa Do Maria





Sono giunti i saluti e gli apprezzamenti, per l’iniziativa artistica, dal presidente Massimo Tedeschi e da Dino Santina direttore dell’Associazione AAB; dall’Associazione Artisti Cremonesi; dal Prof. Claudio Donneschi, Assessore alla Cultura del Comune di Rezzato. 
Ringraziamenti, per la loro collaborazione e adesione, alle sorelle Marta e Mary Cò, titolari delle prestigiose Maison per la bellezza di Brescia, Capriano del Colle e Ponte di Legno. Con le Sig.re Marta e Mary era presente, anche, il loro collaboratore, Prof. Dario Polatti, Sociologo, Consulente nell’Area di Marketing e Comunicazione, per le aziende della moda, del lusso e della bellezza. 
Ringraziamenti, per la presenza, al Prof Gianluigi Guarneri, critico d’arte.
Ringraziamenti a Delfina e Daniela responsabili della galleria l’Altra Arte di Bagnolo Mella per la loro presenza e collaborazione e a Giampietro Cacciamali artista e componente della CoArtCo di Bagnolo Mella. 
Ringraziamenti agli Amici dell’Arte di Lumezzane sempre presenti a sostegno delle iniziative artistiche. Ringraziamenti a tutti i presenti, e ai numerosi artisti che, con la loro partecipazione, rafforzano le iniziative artistiche. 

Fra il pubblico era presente, Ada Biselli, di 104 anni che è stata accolta con un caloroso applauso.




Alle ore 12,30, conclusa l’inaugurazione, per una cinquantina di persone è seguito un gustoso pranzo presso la Sala Garibaldi della Villa stessa. Durante il pasto conviviale, alcuni ospiti, sono intervenuti descrivendo la loro attività nel mondo dell’arte, della moda e della bellezza. 
Un vista dei partecipanti al pranzo

Alle ore 15:00 accompagnati dalla Prof.ssa Maria Do, guida museale, si è svolta una interessante guida storica, artistica e architettonica di Villa Fenaroli.

Le opere pittoriche di Ulisse Gualtieri rimangono esposte fino al primo maggio, con entrata libera, tutti i giorni, dalle ore 10 alle ore 22.

Foto di Luigi Mazzoleni  Life Video Foto.

Porta quadri di Antonio Comini , progetto casa.




venerdì 1 marzo 2019

MOSTRA DI PITTURA DI ULISSE GUALTIERI

Villa Fenaroli, monumento nazionale dal 1735

Personale d’arte contemporanea di Ulisse Gualtieri
 dal titolo: emozioni sulla tela


presso

SPAZIO ARTE VILLA FENAROLI, Rezzato - Brescia

 Inaugurazione domenica 31 marzo 2019 alle ore 11:00
Mostra organizzata dall’Associazione Arte Cultura 
"Ars Vivendi" di Brescia

L’iniziativa beneficia del patrocinio della provincia di Brescia, del Comune di Rezzato,
dell’Associazione Artisti Bresciani, 
dall'Associazione Artisti Cremonesi


Mostra a cura di Rosa Lardelli
Presentazione di Andrea Barretta, critico d’arte
Interventi di Maria Do e Ugo Nappi

Composizione- acrilico su tela 80 x 80

Ulisse Gualtieri è nato Casalbuttano (Cremona) dove vive e svolge la sua attività artistica.
Dotato di particolari doti artistiche le educa frequentando la scuola d’arte  e corsi di sperimentazione artistica. Inizia il suo percorso pittorico nel 1975 con la sua prima mostra personale e a seguire altre esposizioni in diverse città: Cremona, Brescia, Mantova, Lodi, Verona, Parma, Piacenza, Modena ecc.
Tra le più significative si ricordano: nel 1999 un’antologica organizzata presso l’ADAFA di Cremona; nel 2010 una mostra personale ospitata presso il Palazzo Ducale di Sabbioneta dal titolo “Nel segno del colore” che fu presentata nel Teatro all’Antica; nel 2013 presso il castello di Orzinuovi (BS) dal titolo “Tra segno colore e materia”; nel 2014 presso la galleria Cremona-books dal titolo “I colori del paesaggio”; nel 2017 presso la sede dell’A.A.C a Cremona dal titolo “Il colore delle emozioni”; nel 2018 presso la Galleria M.A.D. Mantova Arte Design dal titolo ”Gestuale concretezza”;  nel 2018 presso Km0 a Cremona dal titolo “Emozioni dipinte”.


Paesaggio- acrilico su tela 70 x 90


Ulisse Gualtieri  partecipa a fiere internazionali d’arte contemporanea a Padova, Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Cremona. Ha partecipato a numerose mostre collettive e a molteplici concorsi nazionali ed internazionali ottenendo numerosi primi premi. Attualmente è componente  della commissione artistica dell’Associazione Artisti Cremonesi.
Presso Villa Fenaroli, il pittore cremonese espone una ventina di opere tutte importanti e accuratamente scelte per illustrare i suoi temi preferiti. Sono produzione recente dove le sue composizioni  sono il risultato del suo bagaglio cognitivo ed espressivo, che ha l’esigenza di produrre  opere liriche ed essenziali. 

Gualtieri, in una scena, quasi sempre quadrata, crea uno spazio soggettivo e psicologico con l’uso del colore considerato come luce per creare sensazioni di profondità;
i suoi dipinti assumono una dimensione onirica funzionale  ad evidenziare spiccate abilità espressive. 


Composizione-acrilico su tela 80 x 80

Cenni critici di Giovanni Sartori, assessore alla Cultura e al turismo del Comune di Sabbioneta ( Mantova) e storico dell’arte.
 [….] All’apparenza la maniera di Gualtieri è accomodante, legata ad una trasposizione serena della realtà, facile da comprendere. Una più attenta ed approfondita riflessione, rivela invece la spasmodica necessità di ricercare col colore la migliore espressione nel suo animo e di comunicarne le sensazioni [….]L’esercizio creativo dell’artista diventa sempre più sicuro tanto che il colore pastoso e la lavorazione lunga dell’opera iniziano a diventare un limite. [….] Occorre dare maggiore libertà all’istinto gestuale attraverso una stesura di campiture omogenee e fluide.  [….]  Ed ecco che il colore, attraverso la negazione spasmodica della forma, concorre a comunicare il trascorrere inesorabile delle stagioni, fermando al contempo una precisa sensazione dell’animo umano.

Ceni critici di Luciano Carini, gallerista, curatore e critico d’arte.

[….]  La sua espressione trae vita e origine dalla realtà e dal mondo concreto sia esso paesaggio e/o natura morta ma, gradualmente, la visione reale e retinica lascia spazio all’interpretazione e alla trasfigurazione, al tumulto interiore e alle più intime e profonde emozioni. Così il colore inizia a farsi morbido e pastoso, libero e fluido lasciando vedere o intravedere cose e oggetti senza la descrizione minuziosa, togliendo anziché aggiungere, suggerendo piuttosto che raccontare. Non “Impressionismo” o “post-Impressionismo” dunque, ma al contrario una decisa virata verso le Avanguardie Storiche” con particolare riguardo all’Espressionismo Lirico ma anche, se si considera la stesura cromatica e la tecnica risolutiva delle sue opere, alla visione “Informale” dell’arte pur senza giungere, in alcun caso, alla negazione totale della forma. 
Grande attenzione, Ulisse Gualtieri, dedica poi alla luce. Tutti i suoi dipinti sono caratterizzati e contraddistinti dalla luce che illumina gli sfondi, si posa sugli oggetti, si dipana in ogni direzione, aggiungendo leggerezza e poesia ad ogni suo lavoro [….]

MOSTRA     di Ulisse Gualtieri.
DOVE           Villa Fenaroli - via Mazzini, 14 - Rezzato (Bs)
APERTURA  dal  31 marzo al 1° maggio 2019, con entrata libera e gratuita, tutti i giorni, dalle ore 10.00 alle 22.00 
CONTATTI  Rosa Lardelli - Associazione Arte Cultura Ars Vivendi - Brescia - cell.3398637645. r.lardelli@rosalardelli.it . www.rosaeventi.blogspot.com




venerdì 23 novembre 2018

INAUGURAZIONE DELLA PERSONALE DI IVAN PINTOSSI A VILLA FENAROLI

Inizio inaugurazione

Nella splendida Villa Fenaroli, monumento nazionale, dal 1735, domenica 18 novembre 2018 alle ore 17:30 è stata inaugurata la mostra  di tele fotografiche di Ivan Pintossi.

L’iniziativa artistica,  promossa dall’associazione Arte Cultura Ars Vivendi in sinergia con la Direzione di Villa Fenaroli è in collaborazione  con Life Video Foto di Brescia. 

La mostra, beneficia del patrocinio della Provincia di Brescia, del Comune di Rezzato e dell’Associazione Artisti Bresciani.

All’ufficializzazione dell’inaugurazione, coordinati da Rosa Lardelli, prof.ssa curatrice della mostra, erano presenti:

Ugo Nappi, professore e Presidente dell’associazione Arte Cultura Ars Vivendi ( Associazione responsabile della rassegna Arte in Villa); Rosaria Poinelli, giornalista, scrittrice e componente dell’associazione Ars Vivendi
Nicoletta Senco, dott.ssa Consigliere Comunale del Comune di Rezzato; 
Maria Do, prof.ssa guida museale;
Carolina Gallia, prof.ssa moglie ispiratrice di Ivan Pintossi; 
Ivan Pintossi, imprenditore e artista;
Luigi Mazzoleni, fotografo professionista;
Andrea Barretta, giornalista, scrittore, gallerista, critico d’arte; 
Valentina Caputo, in rappresentanza della direzione di Villa Fenaroli;








Successivamente all’introduzione della curatrice Rosa Lardelli e intervenuta Nicoletta Senco per i saluti e gli apprezzamenti dell’iniziativa artistica a nome di tutta l’Amministrazione Comunale di Rezzato.

Luigi Mazzoleni (fotografo professionista, docente di psicologia applicata alla fotografia e critico cinematografico) ha presentato l’artista e le sue opere, coinvolgendo la prof.ssa  Carolina Gallia, nella lettura di alcuni significativi commenti delle didascalie che accompagnano le tele fotografiche, esposte.

Andrea Barretta, giornalista, scrittore, gallerista, critico d’arte è intervenuto puntualizzando, in suo intervento, sulla storia della fotografia  ed elogiando le immagini di Ivan Pintossi inserite nel contesto dell’arte contemporanea.

La prof.ssa Maria Do è intervenuta per una breve presentazione storico artistica della Villa e in particolare per l’affresco della volta della sala mostre. 

Ivan Pintossi, imprenditore e artista, soddisfatto del risultato raggiunto, ha ringraziato i curatori, gli organizzatori e tutti i presenti creando un’atmosfera piacevole ed amabile; emozionante e toccante l’abbraccio, inaspettato, della madre di Ivan, sig.ra Germana.





Alle ore 18:30 la mostra è stata ufficialmente inaugurata seguita da un brindisi  all’arte.
Per oltre 65 partecipanti la serata si è conclusa con una deliziosa cena, presso la sala Bonomelli della Villa stessa


La mostra rimane allestita fino al 20 gennaio 2019

Foto di Luigi Mazzoleni


Porta cavalletti di Antonio Comini, progetto casa.

venerdì 16 novembre 2018

TELE FOTOGRAFICHE DI IVAN PINTOSSI




Mostra fotografica di IVAN PINTOSSI 

dal 18 novembre 2018  al 20 gennaio 2019 

Inaugurazione domenica 18 novembre  2018 alle ore 17:30

Mostra d’arte contemporanea organizzata dall’Associazione Arte Cultura Ars Vivendi di Brescia in collaborazione con la Direzione di Villa Fenaroli e con Life Video Foto di Brescia.

L’evento beneficia del patrocinio della Provincia di Brescia, Comune di Rezzato e dell’Associazione Artisti Bresciani. 

Mostra a cura di Rosa Lardelli. Presentazione critica di Luigi Mazzoleni. 



L'amore e la perla

L’esposizione propone una ventina di opere di grande formato (cm. 80x120) realizzate con una particolare tecnica fotografica su tela.
Ivan Pintossi, Imprenditore in Val Trompia, provincia di Brescia, è un appassionato ed un esperto per la ricerca fotografica contemporanea.

Ivan Pintossi, con le sue opere, si presenta all’occhio dell’osservatore come il fotografo poeta del dettaglio della natura; racconta la vegetazione da una distanza ravvicinata, nei particolari, nei frammenti, che, osservati in vari momenti, sempre suscitano stupore e meraviglia. Le sue eccezionali qualità e la sua personale ricerca lo stimolano a operare scelte, in cui la natura è la protagonista assoluta. Dalla natura nasce la vita che infrange la barriera della realtà, aprendo le porte dell’immaginazione. 


L'immensità


Cenni critici di Luigi Mazzoleni ( fotografo professionista, docente di psicologia applicata alla fotografia e critico cinematografico).

Ivan Pintossi, nelle sue fotografie, non solo sa cogliere l’attimo fuggente ma, con un preciso scopo, sa creare immagini espressive di grande impatto visivo. L’atto artistico fotografico è definito da un procedimento creativo che punta a cogliere una somma di percezioni visive che, si sviluppano in quel momento magico. Noi non percepiamo la realtà solo attraverso la vista ma, anche tramite sensazioni e interpretazioni di stimoli avvertiti dagli altri sensi.
La fotografia, per l’autore, racchiude in se tutto quello che i sensi fanno vivere durante lo scatto. Un esempio: le fotografie, in grande formato, presentate in mostra, sono state eseguite nel periodo autunnale ricco di colore.  Il fotografico,(che Indica una qualità, un'essenza speciale della fotografia, quella che la rende diversa da tutti gli altri mezzi di produzione di immagini creati dall'uomo), racchiude in se, le mille sensazioni che hanno influito sullo scatto, dall’olfatto recettore di profumo predominante nel muschio, al vento che accarezza le guance scoperte, il tatto dato dall’umidità sulle dita, il gusto della rugiada sulle labbra, la bellezza del colore che inebria la mente. Nella vita frenetica di oggi, riappropriarsi del proprio tempo e cercare di vivere tutte le esperienze prefissate è quasi un dovere. Ritagliarsi dei piccoli momenti per portare avanti le proprie passioni e vivere appieno ogni singolo giorno è quello che fa della vita, una vita vissuta. 

MOSTRA:  fotografica di Ivan Pintossi
DOVE:  Villa Fenaroli - via Mazzini, 14 - 25086 Rezzato/Brescia 
APERTURA: dal 18 novembre 2018 al 20 gennaio 2019, con entrata libera  e gratuita dalle ore 10 alle 22, tutti i giorni. 
CONTATTI: Rosa Lardelli - Associazione  Arte Cultura Ars Vivendi , cell.3398637645. r.lardelli@rosalardelli.it  -  www.rosaeventi.blogspot.com. 

Luigi Mazzoleni , Life Video Foto s.a.s. via Luigi Rizzo,90 – Brescia  tel. 030225634 cell.3408265444 

www.lifevideofoto.it



venerdì 5 ottobre 2018

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DI GIUSEPPINA FONTANA E ANGELO BONI

Il pubblico presente

In una positiva atmosfera, nella splendida Villa Fenaroli, monumento nazionale dal 1735, domenica 30 settembre alle ore 18,00, è stata inaugurata   la mostra di scultura e di pittura di Giuseppina Fontana e Angelo Boni. 

L’iniziativa artistica  promossa dall’Associazione Arte Cultura Ars Vivendi, in sinergia con la Direzione di Villa Fenaroli  beneficia del patrocinio della provincia di Brescia, del comune di Rezzato e dall’Associazione artisti Bresciani AAB.

L’inaugurazione è stata ufficializzata dalla presenza di:
Ugo Nappi, presidente dell'associazione arte e cultura Ars Vivendi responsabile della rassegna Arte in Villa; dalla prof.ssa Marta Mai, relatrice per la lettura delle opere d’arte; dagli artisti Fontana e Boni; dall’architetto Paolo Boni e della signora Gianna, figlio e moglie dell’artista Angelo Boni e dalla curatrice della mostra, prof.ssa Rosa Lardelli.  


Rosa Lardelli presenta gli artisti

Sono giunti i saluti e gli apprezzamenti da: Massimo Tedeschi (Presidente dell’Associazione AAB) , da Claudio Donneschi (Assessore alla Cultura del Comune di Rezzato) e da alcuni artisti impegnati in concomitanti eventi d'arte. 

Ringraziamenti per la loro presenza:
al prof. Mauro Corradini, critico d’arte; ad Andrea Barretta (giornalista, scrittore, gallerista, critico d’arte e al suo staff); alla prof.ssa Giuliana Antonelli già consigliere del Comune di Botticino e a Paola Faroni, architetto presso la Provincia di Brescia con incarichi legati alla progettazione e valorizzazione degli edifici monumentali; a Cinzia Pasini  in rappresentanza delle società  ArteconNoi srl che si occupa  di servizi per la cultura, turismo e didattica; a Elena Bonassi in rappresentanza dell’Associazione di Rezzato “ Amici dell’arte e del paesaggio”; all’ Associazione “ Amici dell’arte di Lumezzane”; ai numerosi artisti e a tutti i presenti; ai collaboratori di Ars Vivendi, Marta, Rosaria, Maria, Claudio e Luigi. 


Intervento di Ugo Nappi

Ringraziamenti  alla direzione di Villa Fenaroli per la disponibilità all’arte e a Giampietro Guiotto, critico d’arte del quotidiano Bresciaoggi, per l’articolo sulla mostra di Angelo Boni e Giuseppina Fontana


Al termine della presentazione
La serata si è conclusa presso l’American bar, della Villa stessa, con un brindisi all’arte.


American Bar

L’esposizione artistica rimane allestita fino al 1° novembre 2018.

Foto di Luigi MazzoleniPorta quadri di Antonio Comini, progetto casa.